Studio Dentistico dott.ri Paolo e Cristina Papa a Napoli: alitosi

Allarme alitosi!

Fetor ex ore è la definizione scientifica dell’alitosi. Si capisce da ciò che questo disturbo era ben noto già ai tempi dei Romani, che escogitarono diversi rimedi a tale condizione socialmente rilevante. Il problema sociale degli effetti è notevole soprattutto per i soggetti diversamente abili, che spesso hanno già di per sè una vita di relazione molto limitata.

Studio Dentistico dott.ri Paolo e Cristina Papa a Napoli: la respirazione orale

La respirazione orale

L’atto respiratorio di inspirazione avviene fisiologicamente attraverso il naso, in quanto la mucosa nasale, rispetto a quella orale ha delle proprietà specifiche (epitelio cilindrico ciliato) mirate a filtrare l’aria che entra nelle vie aeree. La respirazione orale è una situazione anomala in cui il passaggio d’aria avviene esclusivamente o prevalentemente dal cavo orale. Può essere obbligata o facoltativa.

Studio Dentistico dott.ri Paolo e Cristina Papa a Napoli: carcinoma orale

Il carcinoma orale

Il cancro orale ha una prevalenza del 5%, ma ha una mortalità del 50% a 5 anni dalla diagnosi. Nonostante il cavo orale sia facilmente esaminabile, circa il 70% dei carcinomi orali viene diagnosticato tardivamente. Le cause di questo ritardo sono molteplici la lunga asintomaticità, la scarsa informazione dei pazienti e la mancata diagnosi da parte degli stomatologi.

Studio Dentistico dott.ri Paolo e Cristina Papa a Napoli: bambini e COVID-19

Bambini e COVID-19

Lavori scientifici derivati dall’esperienza cinese indicano che l’infezione è decisamente meno grave nei bambini. In uno studio realizzato su 2143 pazienti pediatrici da 0-18 anni con età media di 7 anni, il 94% è risultato asintomatico o affetto da forme molto lievi e nessun paziente ha necessitato di ossigeno o altro supporto ventilatorio.

Studio Dentistico dott.ri Paolo e Cristina Papa a Napoli: mamma, mi sono rotto il dentino!

Mamma, mi sono rotto il dentino!

I traumi dentari sono molto frequenti nei bambini, con maggior incidenza nei maschietti (spesso più scalmanati e imprudenti delle femminucce nei giochi e nello sport). I denti più colpiti sono gli incisivi anteriori superiori decidui e permanenti che, in particolare in presenza di malocclusioni come morso aperto o aumentato overjet, risultano particolarmente esposti all’esterno in caso di cadute o colpi.